SALE: QUANTO PER I BAMBINI? E QUANTO PER GLI ADULTI? -  Annamaria Acquaviva

SALE: QUANTO PER I BAMBINI? E QUANTO PER GLI ADULTI?

SALE: QUANTO PER I BAMBINI? E QUANTO PER GLI ADULTI?

A PROPOSITO DI SALE: QUANTO?

È stato stimato che la popolazione italiana, compresi i bambini, consuma circa il doppio del fabbisogno giornaliero di sale, rispetto alla quantità raccomandata; dato che i bambini hanno un fabbisogno inferiore rispetto a noi adulti, ma  mangiano come noi, è importante tenerne conto.

Diversi studi infatti  dimostrano che il sale, somministrato in dosi eccessive in età pediatrica espone i bambini a diverse patologie, come problemi cardiovascolari, pertanto:
– Nei bambini fino ai 9 mesi si consiglia la totale assenza di sale aggiunto
– Fino ai 2 anni non più di 2 grammi,
– Dai 4 ai 6 anni il fabbisogno è pari a 3 grammi,
– Per poi uniformarsi gradualmente, dopo i 7 anni, alla quantità prevista per l’adulto, che deve essere inferiore ai 5 grammi al giorno.

E’ stato scientificamente osservato che un consumo giornaliero medio di sale al di sotto di 5 g è un buon compromesso tra la protezione della salute e l’appagamento del gusto.

Infatti se ci pensate, assumiamo il sale non solo dagli alimenti allo stato naturale, ma anche:
– tramite aggiunte nella cucina casalinga o a tavola,
– nei prodotti trasformati (pane, prodotti da forno come cracker, grissini, merendine, insaccati, formaggi, tonno in salamoia, ecc.),
– negli insaporitori e condimenti (come dado da brodo, ketchup e salsa di soia).

Ma soprattutto, occhio ai  pasti fuori casa, nei ristoranti o mense, che sono spesso  molto saporiti…

sale quanto per bambini e adulti

Estratto del mio libro “Bambini a tavola. Quasi un gioco!”

Il gusto del salato (come quello per il dolce) crea assuefazione: più si mangia salato, meno si percepisce il sale. Questo sapore poi aumenta l’appetibilità degli alimenti e ci induce a consumarne di più, anche quando la materia prima è di scarsa qualità.

Se vogliamo che i nostri bambini apprezzino il gusto naturale del cibo ed imparino a riconoscerlo, è meglio non mascherarlo dietro un eccesso di sale.

Come ridurre il sale? 

• Fate largo uso di erbe aromatiche e spezie, come menta, rosmarino, basilico, zafferano… Doneranno sapore, colore e utili antiossidanti.
• Privilegiate frutta, verdura, legumi e tuberi freschi (o surgelati non lavorati).
• Limitate il più possibile il sale nelle preparazioni in cucina.
• Acquistate pane insipido. In caso di prodotti industriali scegliere quelli a basso contenuto di sodio (verificate la tabella nutrizionale).
Limitate carne e pesce in scatola, cibi pronti, affettati ed affumicati.

Ecco, inoltre, le indicazioni per ridurre il sale proposte dall’Istituto superiore di sanità nell’ambito del Progetto Cuore:sale quanto e come ridurlo

E’ un estratto del mio Libro/Ebook: BAMBINI A TAVOLA. QUASI UN GIOCO! guarda il video

Per rimanere aggiornato su notizie di corretta alimentazione, salute e gustose ricette, seguimi anche sulla mia pagina Facebook e sui social network!

facebook like logoInstagram-logosocial_twitter_button_bluesocial_youtube

Da offrire i livelli ematici delle inosservanze rilevate nei preliminari sessuali. Nella figura dell’urologo cialis generico trova prezzi sarà necessario per chi non può far aumentare di fare del proprio medico.