NON SOLO FIBRA: GLI EFFETTIVI BENEFICI DELLE PRUGNE DISIDRATATE -  Annamaria Acquaviva

NON SOLO FIBRA: GLI EFFETTIVI BENEFICI DELLE PRUGNE DISIDRATATE

NON SOLO FIBRA: GLI EFFETTIVI BENEFICI DELLE PRUGNE DISIDRATATE

Prugne secche: un superfood alleato della nostra salute

Il mio interesse per le prugne disidratate è nato preparando gli schemi nutrizionali per i pazienti che necessitano di favorire la salute digestiva. Ho appurato che questo alimento, dal basso indice glicemico pari a 29 (Foster-Powell 2002), apporta vantaggi che non si limitano alla funzione digestiva. Negli ultimi anni, infatti, sono stati portati avanti dalla comunità scientifica numerosi studi che testimoniano gli effettivi benefici derivati dal consumo di prugne secche.

Le prugne sono l’unica frutta secca, naturale e intera ad aver ottenuto un’indicazione nutrizionale autorizzata dalla Commissione Europea dopo sei anni di ricerca scientifica. Pertanto rappresentano un vero “superfood” da inserire nella propria alimentazione, anche perchè sono un’eccellente fonte di fibre, con un apporto di circa 7g/100g, ossia quasi un quarto della quantità quotidiana di fibre raccomandata di 30g.

prugne disidratateSono prive di grassi e di sale e il sorbitolo, il principale zucchero naturalmente presente nelle prugne, quasi non viene digerito e per questo finisce nell’intestino combattendo la stipsi. Esso, poichè viene degradato senza l’intervento dell’insulina, è spesso usato nei prodotti industriali (anche per diabetici) come dolcificante al posto del saccarosio.

Le prugne hanno un indice glicemico controllato grazie alla presenza di fibre e alla composizione dei loro glucidi e forniscono un’energia facilmente disponibile e di graduale assimilazione.

Hanno un alto contenuto di vitamina K, che sostiene il regolare mantenimento delle ossa e gioca un ruolo importante nella coagulazione del sangue; sono una fonte di vitamina B6, che tra i suoi effetti contribuisce alla funzione del sistema nervoso, supporta la funzione del sistema immunitario e aiuta a sentirsi meno stanchi.

Sono ad alto contenuto di potassio, che favorisce il funzionamento muscolare, supporta la regolare pressione sanguigna e il funzionamento del sistema nervoso; sono una fonte di rame, che aiuta il regolare funzionamento del sistema nervoso e a mantenere la bellezza di pelle e capelli ed è un nutriente antiossidante che ha un ruolo nel proteggere le cellule dai danni ossidativi.

Un altro nutriente antiossidante contenuto nelle prugne è il manganese, che supporta il regolare mantenimento delle ossa, favorisce il normale rilascio di energia dai cibi e contribuisce alla regolare formazione di tessuto connettivo.

Il vantaggio delle prugne disidratate è che si possono trovare tutto l’anno; mantengono gli effetti positivi del frutto fresco ma con concentrazione del sorbitolo maggiore, cui corrisponde una maggiore efficacia digestiva. Avendo tuttavia una concentrazione inferiore di polifenoli, in stagione conviene non farsi mancare anche il frutto fresco.

Ecco le principali proprietà nutrizionali delle prugne disidratate. Per approfondire, di seguito aggiungo le fonti bibliografiche:

Salute digestiva

♦ L’indicazione nutrizionale della Commissione Europea indica che mangiare 100 g al giorno di prugne disidratate (circa 8-12) contribuisce al normale funzionamento dell’apparato digerente, come parte di una dieta varia e bilanciata e di uno stile di vita salutare.

Diversi studi hanno indagato il ruolo delle prugne nella salute digestiva e ne hanno confermato i poteri curativi. I meccanismi d’azione grazie ai quali si realizzano i benefici digestivi si ritiene siano multifattoriali (Stacewicz-Sapuntzakis 2013; Lever 2014) e si sta cominciando a indagare gli effetti sul microbioma intestinale e su specifici stati di malattia come cancro al colon e IBS.
prugne disidratate

Sazietà

♦ La frutta è generalmente considerata saziante grazie al suo alto contenuto in fibre, nonostante il suo scarso contenuto in energia comparato ad altri alimenti. Naturalmente, però, un frutto intero, con le sue fibre e i suoi nutrienti sazia in modo molto maggiore dei succhi di frutta.

Delle prugne disidratate, dal basso IG di 29 (Foster-Powell 2002) e dall’alto contenuto in fibre (7,1/100 g), è stato analizzato il ruolo sul senso di sazietà in diversi studi scientifici, tra cui quello condotto dai ricercatori dell’Università di Liverpool (Harrold et al 2014), che ha indagato l’effetto di un’alta dose di prugne in 100 adulti in sovrappeso o obesi, nell’ambito di un programma per il controllo  del peso corporeo. Ho trovato questo studio – presentato all’European Congress on Obesity dall’European Association for the Study of Obesity – molto interessante, dato che dimostra che il consumo di frutta secca (prugne) non crea problemi al controllo del peso né produce effetti gastrointestinali avversi (http://bit.ly/1EYFlyI).

Salute delle ossa

♦ Anche a questo proposito sono stati svolti numerosi studi che hanno indagato il ruolo delle prugne sulla salute delle ossa. Esiste una quantità significativa di ricerca condotta su donne in post-menopausa che indica che una semplice porzione quotidiana di prugne disidratate può essere utile per la salute, rallentando la perdita di massa ossea.

♦ Il più recente trial randomizzato di Hooshmand et al (2016) ha preso in esame un gruppo di 48 donne osteopatiche in post-menopausa di età tra 65 e i 79 anni, ad alcune delle quali venivano fornite prugne disidratate e un supplemento di calcio e vitamina D, ad altre solo il supplemento. E’ stato dimostrato in questo modo che sono le prime, quelle che hanno assunto anche le prugne, a registrare una maggiore densità minerale ossea in tutto il corpo.

♦ E’ noto che le prugne contengono un alto contenuto di vitamina K e sono una fonte di manganese, che favoriscono il mantenimento delle ossa ma la ricerca scientifica sta lavorando per confermare queste scoperte e per capire i meccanismi grazie a cui le prugne possono svolgere un effetto benefico sulla salute delle ossa.

Altre ricerche

Le ricerche stanno esplorando le molte vie attraverso cui le prugne disidratate apportano benefici per la salute: queste includono un lavoro esplorativo sulle proprietà contro il cancro, e proprietà anti infiammatorie e antiossidanti; in particolare Hooshmand et al 2015 hanno testato le proprietà antiinfiammatorie e antiossidanti dei polifenoli delle prugne nelle cellule dei macrofagi.

prugne disidratate

L’interesse personale mi ha portato a ricercare le evidenze scientifiche e a conoscere anche il California Prune Board, consorzio che riunisce 900 coltivatori della zona di Sacramento e San Joaquin in California, che da molti anni ha condotto una seria ricerca scientifica sulle prugne. Per tale interesse ho ricevuto la proposta da parte del consorzio di esporre i dati scientifici nutrizionali in Italia, cosa che ho accettato con piacere, dato che è uno stimolo ulteriore a rimanere aggiornata in questo ambito e capire quando sia opportuno inserirlo nelle diete dei miei pazienti.

A voi come piace consumare le prugne? Avete qualche ricetta da propormi?

Bibliografia riguardo la salute digestiva

Lever E, Scott SM, Emery PW, Whelan K (2015) The effect of prunes on stool output, whole gut transit time and gastrointestinal symptoms: a randomised controlled trial. Nutri Soc. 74(OCE1): E2.

Seidel D, Hicks K, Taddeo S, Azcarate-Peril M, Carroll R, Turner N (2015) Dried plums modify colon microbiota composition and spatial distribution, and protect against chemically-induced carcinogenesis. FASEB. 29; 394.7.

Kim S-E, Kim SM, Yu A, Marsh Z, Morales W, Kim G, Weitsman S, Triantafyllou K, Pimentel M, Chang C (2014) The effect of dried plum on targeted gut flora and host gene expression in a rat model of post-infectious IBS. As presented by the American College of Gastroenterology (ACG) 2014 Annual Scientific Meeting Abstracts. Philadelphia, PA: American College of Gastroenterology. Program No. P1708. http://bit.ly/1MWEaI5

Lever E, Cole J, Scott M, Emery PW, Whelan K (2014) Systematic review: the effect of prunes on gastrointestinal function. Aliment Pharmacol Ther. 40; 750-758.

Stacewicz-Sapuntzakis M (2013) Dried Plums and Their Products: Composition and Health Effects – An Updated Review. Critical Reviews in Food Science and Nutrition. 53; 1277-302. http://www.tandfonline.com

Attaluri A, Donahoe R, Valestin J, Brown K, Rao S (2011) Randomised clinical trial: dried plums (prunes) vs. psyllium for constipation. Alimentary Pharmacol Therapeutics. 33; 822-8.

Howarth L, Petrisko Y, Furchner-Evanson A, Nemoseck T, Kern M (2010) Snack Selection Influences Nutrient Intake, Triglycerides, and Bowel Habits of Adult Women: A Pilot Study. JADA. 110; 1322-7.

Cheskin L et al (2008) A naturalistic, controlled, crossover trial of plum juice versus psyllium versus control for improving bowel function. The internet journal of nutrition and wellness. Volume 7 number 2.

Parkar SG, Stevenson DE, et al (2008) The potential influence of fruit polyphenols on colonic microflora and human gut health. Int J Food Microbiol. 124; 295-298.

Sairanen U, Piirainen L, Nevala R, Korpela R (2007) Yoghurt containing galacto-oligosaccharides, prunes and linseed reduces the severity of mild constipation in elderly subjects. European Journal of Clinical Nutrition. 61; 1423–1428.

Lake AA, C Speed, et al (2007) Development of a series of patient information leaflets for constipation using a range of cognitive interview techniques: LIFELAX.  BMC Health Serv Res. 7; 3.

Piirainien L et al (2007) Prune juice has a mild laxative effect in adults with certain gastrointestinal symptoms. Nutrition Research. 27; 511-513.

Lucas E et al (2004) Daily consumption of dried plum by postmenopausal women does not cause undesirable changes in bowel function. J Appl Res. 4; 37-43.

Sanjoaquin M, Appleby P, et al (2004) Nutrition and lifestyle in relation to bowel movement frequency: a cross-sectional study of 20630 men and women in EPICOxford. Public Health Nutr. 7; 77-83.

Kravetz RE (2002) Medicated prunes. Am J Gastroenterol. 97; 2914.

Couteau D, McCartney A, et al (2001) Isolation and characterization of human colonic bacteria able to hydrolyse chlorogenic acid. J Appl Microbiol. 90; 873-881.

Tinker L (1994) Prune fiber or pectin compared with cellulose lowers plasma and liver lipids in rats with diet induced hyperlipidemia. Journal of nutrition. 124; 31-40.

Durand PJ, Mercier P, Laforest M, Roy D, Demers D (1991) A laxative jam. Can Nurse. 87; 35-7.

Tinker L et al (1991) Consumption of prunes as a sourceof dietary fiber in men with mild hypercholesterolemia. American Journal of Clinical Nutrition. 53; 1259-65.

Stern F (1966) Constipation – an omnipresent symptom; effect of a preparation containing prune concentrate and cascarin. J Am Geriatr Soc. 14; 1153-1155.

Ferrer FP et al (1955) Effect of yogurt with prune whip on constipation. Am J Dig Dis. 9; 272-273.

Mark E, Fessler J, Smith C (1935) Caffeic acid in prunes and its behaviour as a laxative principle. Science. 82; 304.

Emerson G, Cruess WV, Mrak E, Smith C (1934) The laxative principle in prunes. Proc Soc Exp Biol Med. 31; 278-281.

Bibliografia sull’effetto saziante

Harrold J, Hughes G, Boyland E, Williams N, McGill R, Blundell J, Finlayson G, Higgs J, Harland J, Halford J (2014) Dried fruit (prune) consumption does not undermine active weight management or produce adverse gastrointestinal effects. As presented at The European Congress on Obesity by The European Association for the Study of Obesity, 2014: http://bit.ly/1EYFlyI

Fusco E, Clayton Z, Kass L, Carpenter J, Hooshmand S, Hong MY, Kern M (2014) Carbohydrate-rich snacks influence plasma glucose, insulin and ghrelin responses in overweight adults. FASEB. 28; 1039.5.

Farajian P, Katsagani M, Zampelas A (2010) Short-term effects of a snack including prunes on satiety in normal weight individuals. Eating Behaviors. 11; 201-203.

Furchner-Evanson A, Petrisko Y, Howarth L, Nemoseck T, Kern M (2010) Type of snack influences satiety responses in adult woman. Appetite. 54; 564-569.

Foster-Powell K, Holt S, Brand-Miller J (2002) International table of glycemic index and glycemic load values: 2002. Am J Clin Nutr. 76; 5–56.

Bibliografia sulla salute delle ossa

Schreurs A, Shirazi-Fard Y, Shahnazari M, Alwood J, Truong T, Tahimic C, Limoli C, Turner N, Halloran B, Globus R (2016) Dried plum diet protects from bone loss caused by ionizing radiation. Scientific Reports 6, Article number: 21343. doi:10.1038/srep21343.

Arjmandi B, Johnson S, Pourafshar S, Navaei N, Shooshmand, Chai S (2016) Dried Plum Consumption and Bone Mineral Density Retention in Postmenopausal Women: a Follow-up Study. The FASEB Journal. 30; Supplement lb268. http://www. fasebj.org/content/30/1_Supplement/lb268.short?relatedurls=yes&legid=fasebj;30/1_Supplement/lb268

Hooshmand S, Kern M, Metti D, Shamloufard P,  Chai S, Johnson S, Payton M, Arjmandi B (2016) The effect of two doses of dried plum on bone density and bone biomarkers in osteopenic postmenopausal women: a randomized, controlled trial. Osteoporos Int. 27; 22719.  DOI 10.1007/s00198-016-3524-8.

Lee F, Ghassemian, Schenk S, Kern M, Hooshmand S (2016) Proteomic analysis of human serum of osteopenic women after dried plum treatment. The FASEB Journal. 30; Supplement 691.32 http://www.fasebj.org/ content/30/1_Supplement/691.32.short

Shahnazari M, Turner R, Iwaniec U, Wronski T, Li M, Ferruzzi M, Nissenson R, Halloran B (2016) Dietary dried plum increases bone mass, suppresses proinflammatory cytokines and promotes attainment of peak bone mass in male mice. Journal of Nutritional Biochemistry. 34; 73– 82. DOI: http://dx.doi.org/10.1016/j.jnutbio.2016.04.007

Hooshmand S, Metti D, Kern M, Arjmandi H (2015) Dose response of dried plum on bone density and bone turnover biomarkers in osteopenic postmenopausal women. Presented at the International Symposium  on the Nutrition Aspects of Osteoporosis, June 17-20, Montreal, Canada.

Metti D, Shamloufard P, Cravinho A, Cuenca PD, Kern M, Arjmandi B and Hooshmand S (2015) Effects of low dose dried plum (50 g) on bone mineral density and bone biomarkers in older postmenopausal women. FASEB. 29; 739.12. Abstract available at: http://www.fasebj.org/ content/29/1_Supplement/738.12.

Shahnazari M, Nissenson R, Turner R, Iwaniec U, Roth T, Halloran B (2015) Dietary supplementation with dried plum increases peak bone mass during growth. Presented at the International Symposium on the Nutrition Aspects of Osteoporosis, June 17-20,  Montreal, Canada.

Hooshmand A, Brisco JRY, Arjmandi BH (2014) The effect of dried plum on serum levels of receptor activator of NF-kB ligand, osteoprotegerin and sclerostin in osteopenic postmenopausal women: a randomised controlled trial. BJN. 112; 55-60.

Rendina E, Lim YF, Marlow D, Wang Y, Clarke S, Kuvibidila S, Lucas E, Smith B (2012) Dietary supplementation with dried plum prevents ovariectomyinduced bone loss while modulating the immune response in C57BL/6J mice. J Nutr Biochem. 23; 60-8.

Hooshmand S, Chai S, Saadat R, Payton M, BrummelSmith K, Arjmandi B (2011) Comparative effects of dried plum and dried apple on bone in postmenopausal women. BJN. 106; 923-30.

Altre ricerche

Hooshmand S, Kumar A, Zhang J, Johnson S, Chai S, Arjmandi B (2015) Evidence for anti-inflammatory and antioxidative properties of dried plum polyphenols in macrophage RAW 264.7 cells. Food Funct. 6; 1719-25. http://dx.doi.org/10.1039/c5fo00173k.

Bowen. Role of Commodity Boards in Advancing  the Understanding of the Health Benefits of Whole Foods:  California Dried Plums. Nutrition Today.  Accepted for publication.

Nakamichi-Lee M, Hooshmand S, Kern M, Ahouraei A, Hong M (2016) Dried Plum Consumption Improves Antioxidant Capacity and Reduces Inflammation in Postmenopausal Women. The FASEB Journal. 30; Supplement 1174.19. http://www.fasebj.org/content/30/1_ Supplement/1174.19

Seidel D, Hicks K, Taddeo S, Azcarate-Peril A, Carroll R, Turner N (2016) Dried plums modify fecal short chain fatty acid concentrations and gene expression in a rat model of colon carcinogenesis. The FASEB Journal. 30; Supplement 147.3. http://www.fasebj.org/content/30/1_ Supplement/147.3.short

Nelson S, Zawilski A, McGill B, McIntosh M, Kern M, Young Hong M, Hooshmand S (2015) Neutrophil Elastase Responses in Smokers and Nonsmokers Consuming Dried Plums. FASEB. 29; 922.13.

Per rimanere aggiornato su notizie di corretta alimentazione, salute e gustose ricette, seguimi anche sulla mia pagina Facebook e sui social network!

facebook like logoInstagram-logosocial_twitter_button_bluesocial_youtube

Comments (1)

  1. Pingback: Come integrare la Frutta Secca in un'alimentazione corretta | Frutta e Bacche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.