HealthRevolution Blog

Il meccanismo del sonno

Il meccanismo del sonno

Nell’articolo precedente (clicca qui se l’hai perso!) vi ho anticipato uno degli argomenti che tratterò nel mio prossimo libro, che fa parte dei cinque pilastri del mio metodo scientifico: il “Sonno” e i disturbi legati alla sua carenza.

Oggi affronterò con voi un altro aspetto di questo argomento vastissimo: il Meccanismo del Sonno.

L’alternanza fra sonno e veglia è regolata da due sistemi biologici che funzionano in parallelo: il ritmo circadiano e l’omeostasi sonno/veglia.

Il ritmo circadiano è il nostro orologio biologico interno.  In condizioni normali ci segnala quando siamo pronti per dormire. L’orologio biologico è attivato ​​da segnali come la luce del giorno (ci sentiamo vigili) e l’oscurità (ci sentiamo assonnati), grazie all’ormone chiamato melatonina. Può anche essere attivato ​​da luce artificiale brillante o da stimolanti come la caffeina, che ci fanno sentire svegli anche se è notte.

L’omeostasi sonno/veglia funziona come una clessidra. Dal momento della sveglia, infatti, determinate molecole chiamate “ipnogeniche”, cioè che inducono il sonno, si accumulano, come i granelli di sabbia della clessidra. Maggiore è il tempo trascorso da svegli, più molecole ipnogeniche si liberano, più sarà necessario il sonno. Quando finalmente dormiamo, si gira la clessidra: le molecole ipnogeniche vengono smaltite e al risveglio si ricomincerà a produrle. Per questo motivo chi ha dormito troppo  durante il giorno avrà poco sonno durante la notte.

 L’omeostasi funziona come una clessidra

Ma quali sono le molecole che regolano i cicli del sonno?

Si tratta di sostanze chimiche stimolate dalla luce o dall’oscurità. Tra queste ci sono:

L’adenosina:  è un neurotrasmettitore che si accumula gradualmente nel cervello durante il giorno e ad alte concentrazioni ci fa venire sonno la notte. La caffeina contenuta nel caffè e in altre bevande può tenerci svegli poiché blocca i recettori cerebrali per l’adenosina.

La melatonina: è un ormone rilasciato dal cervello quando è buio: viaggia verso le cellule per “dire” al corpo di dormire. La luce solare o l’esposizione alla luce artificiale inibisce la produzione di melatonina e aumenta il rilascio di cortisolo, che invece ci sveglia. Infatti, se siamo esposti a troppa luce artificiale (come la luce blu emessa da smartphone o televisori) a tarda notte, potrebbe essere rilasciata meno melatonina rendendo più difficile addormentarsi. 

La serotonina: la sostanza chimica del “benessere” del corpo, è un neurotrasmettitore associato sia al sonno che alla veglia. Il cervello la rilascia durante il giorno, ma la utilizza anche per formare la melatonina durante la notte. Anche l’alimentazione può favorire la sua presenza nel nostro corpo.

Noradrenalina, adrenalina, istamina e cortisolo sono invece gli ormoni che contrastano il sonno. Sono secreti in risposta allo stress e fanno sì che il corpo sia sveglio e vigile. Se si sperimenta uno stress prolungato o cronico, il corpo rilascia l’ormone adrenocorticotropo (ACTH), che a sua volta rilascia cortisolo. 

 

Vi aspetto nei prossimi articoli per altri argomenti che riguardano il sonno e tutte le sue sfaccettature!

Leggi di più

L’importanza del sonno

L’importanza del sonno

Quanti di voi soffrono di insonnia? Una delle tematiche che sto scrivendo in questi giorni nel mio nuovo libro è quella del sonno, che rappresenta uno dei 5 pilastri della salute.

Perchè il sonno è importante?

Leggi di più

L’ OSCAR DELLA SALUTE: UN’EMOZIONE INASPETTATA

L’ OSCAR DELLA SALUTE: UN’EMOZIONE INASPETTATA

Scrivo questo articolo per ringraziare di cuore tutte le persone, i miei pazienti e i media e la stampa della mia città (di cui allego gli articoli) per la davvero generosa attenzione che mi hanno dedicato, in occasione di Italian Health Award, dove mi è stato conferito in premio l’ OSCAR DELLA SALUTE. Spero di aver ringraziato ciascuno. Grazie anche al fotografo veronese Elvis Venturelli per la bellissima foto.

Venerdì 23 marzo, al Palazzo della Gran Guardia di Verona, mi è stato assegnato l’‘Oscar della salute”, riconoscimento attribuito a chi promuove uno stile di vita sano e corretto in diversi ambiti, dalla medicina alla ricerca, dallo sport all’alimentazione, dall’editoria all’arte.

Leggi di più

Foeniculum Vulgare

Foeniculum Vulgare

Nome botanico: Foeniculum Vulgare Miller

Famiglia botanica: Apiaceae

Aspetto: è una pianta erbacea che può raggiungere anche i 2 metri di altezza. I fiori sbocciano in estate e sono gialli, raggruppati in cime a forma di ombrello e contengono i frutti, che sono quelli che conosciamo come “semi di finocchio”. Le foglie sono larghe e ricche di nervature, abbracciano il fusto.  

Leggi di più

Tè verde e Tè nero

Tè verde e Tè nero

Il Tè è la bevanda più diffusa al mondo dopo l’acqua. In particolar modo, il tè verde e il tè nero derivano dalla stessa pianta, la Camellia Sinensis e l’unica differenza sta nel processo di lavorazione delle foglie. Nel tè verde, infatti, esse subiscono pochissime trasformazioni, mentre in quello nero vengono macerate, essiccate e tritate, il che comporta una reazione di ossidazione. A livello molecolare cambiano quantità e qualità di polifenoli, oltre che di teina.

Leggi di più