6 CONSIGLI PER REALIZZARE UNA FRITTURA PIÙ SANA

6 CONSIGLI PER UNA FRITTURA PIÙ “SANA”

6 CONSIGLI PER UNA FRITTURA PIÙ “SANA”

A carnevale ogni (sano) fritto vale: che sia per questa occasione o per altre ricorrenze, tanti dolci tipici italiani sono spesso fritti (chiacchiere, tagliatelle dolci…); è vero che i dolci sono da limitare alle “occasioni”, ma a meno che non siano presenti patologie epatiche o pancreatiche, la frittura non deve essere demonizzata.

I fritti, se inseriti saltuariamente e all’interno di pasti equilibrati, hanno effetti positivi: stimolano la cistifellea e il fegato -aiutandolo a lavorare più velocemente e stimolando il metabolismo- e riducono il carico glicemico del pasto. Gli esperti della Fondazione per lo Studio degli Alimenti e della Nutrizione (FoSAN), hanno stilato un documento intitolato: Il processo di frittura: ricerca ed innovazione, in cui analizzano questo metodo di cottura e individuano le indicazioni utili perché possa risultare salutare.

Infatti la frittura, se non adeguatamente condotta, può dare origine a composti potenzialmente nocivi per la salute: derivanti dall’ossidazione dei grassi (come chetoni, lipoperossidi, aldeide e altri) o dal trattamento alle alte temperature dell’alimento stesso (per esempio l’acrilammide). La loro formazione dipende da diversi fattori come: il tempo di frittura, la temperatura, il tipo di olio, il cibo e la tecnologia utilizzata.

Ecco dunque alcune regole utili a realizzare una “frittura sana”:

1- Prepara gli alimenti da friggere, che siano asciutti e a temperatura ambiente.
2- Friggi con olio extravergine di oliva -ricco di a.g.monoinsaturi e tocoferoli antiossidanti -più stabile alla cottura e con un punto di fumo relativamente alto. Quello di origine ligure o toscana ha generalmente sapore più delicato ed adatto ai dolci.
3- La temperatura dell’olio non deve superare i 180°C evitando che l’olio fumi. Superando quella temperatura si avrebbe la formazione di acroleina, una sostanza tossica ritenuta cancerogena. Non riutilizzare l’olio, riduci i tempi di cottura evitando che il cibo si colori eccessivamente.
4- Usa molto olio e friggi pochi pezzi per volta: quando si immerge completamente nell’olio bollente un cibo, sulla sua superficie si forma una crosticina rigida che lo rende croccante e che impedisce al cibo di assorbire altro olio.
5- Asciuga la frittura con carta assorbente.
6- Per una frittura croccante si deve salare o zuccherare solo a fine cottura.

Quali sono i vostri dolci di carnevale preferiti? Io adoro le chiacchiere!

Di altri argomenti sull’alimentazione e ricette parlo anche nel mio Ebook: Bambini a tavola. Quasi un gioco! –> qui il video di presentazione.

facebook like logoPer rimanere aggiornato su notizie di corretta alimentazione, salute e gustose ricette, seguimi anche sulla mia pagina Facebook e sui social network!

Frittura sana

Comments (3)

  1. Avatar

    Buongiorno,
    Le faccio una domanda a cui sicuramente avrà già risposto mille volte…
    In una frittura casalinga, senza attrezzi del mestiere quali termometro a sonda per controllare costantemente la temperatura, non è meglio usare un olio di semi con un punto di fumo più alto rispetto ai 180 gradi del’ evo?

    • Dr. Annamaria Acquaviva
      Dr. Annamaria Acquaviva - Rispondi

      L’olio EVO ha il profilo lipidico più favorevole per la salute, ma si possono usare altri oli vegetali non di sintesi se hanno punto di fumo uguale o maggiore a 180° C

  2. Pingback: FALAFEL: una ricetta sana e gustosa in 10 step

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.