DIETA E PANCIA GONFIA. La Sindrome dell'Intestino Irritabile (IBS) -  Annamaria Acquaviva

DIETA E PANCIA GONFIA. La Sindrome dell’Intestino Irritabile (IBS)

DIETA E PANCIA GONFIA. La Sindrome dell’Intestino Irritabile (IBS)

DIETA E PANCIA GONFIA. La Sindrome dell’Intestino Irritabile (IBS)

Seguo da tempo pazienti che lamentano gonfiore addominale e altri sintomi di sindrome dell’Intestino Irritabile (IBS), tanto frequenti oggi anche perchè lo stress diffuso e le abitudini scorrette incidono fortemente sulla patologia. La Sindrome dell’Intestino Irritabile (IBS) si manifesta con dolore addominale, alvo irregolare (stipsi o diarrea oppure alternanza di questi sintomi), distensione addominale e gonfiore, ma spesso comprende anche sintomi extra intestinali quali mal di testa e astenia. dieta e pancia gonfia

L’IBS è dovuta ad alterazione della motilità intestinale ed aumentata sensibilità del tratto gastroenterico agli stimoli sia interni che ambientali, ma sono assenti lesioni organiche di qualsiasi genere.

Il cardine della terapia è costituito dall’adozione di abitudini alimentari utili al controllo della sintomatologia e che possano essere mantenute per tutta la vita.

LA PIRAMIDE DELLA SINDROME DELL’INTESTINO IRRITABILE

Dieta pancia gonfia sindrome intestino irritabile

Piramide della sindrome dell’intestino irritabile

La piramide della sindrome dell’intestino irritabile è stata costruita seguendo le attuali linee guida dietetiche e la letteratura esistente sulle raccomandazioni dietetiche e sullo stile di vita in IBS (1).

1. Attività fisica e corretta idratazione

Quale l’attività fisica ideale in caso di IBS?
L’ attività fisica moderata ha dimostrato ridurre i sintomi di IBS e ridurre gas intestinale, gonfiore e alleviare la costipazione. Sono indicate le pratiche che coinvolgono in maniera diretta i muscoli dell’addome, come yoga e pilates. L’eccessivo sforzo fisico diventa invece causa di stress cronico in grado di peggiorare il quadro sintomatologico. dieta e pancia gonfia

Come idratarsi? Si può bere ai pasti?
È fondamentale consumare ogni giorno 1,5-3 l di liquidi (in caso di patologia renale, ecc. valutare le indicazioni specialistiche).
Sono indicati acqua o liquidi senza caffeina, infusi senza zucchero alla malva, melissa, liquirizia, camomilla e bevande non gassate e prive di alcool né di dolcificanti di sintesi.
La temperatura: se è troppo alta o troppo bassa può provocare irritazione.
Non vi è divieto di bere al pasto, ma non si deve eccedere; contribuisce ad amalgamare il bolo alimentare e favorisce il senso di sazietà.
Estratti di verdura sono consentiti. Il succo fresco e privato di fibre viene assorbito rapidamente ed è un concentrato di antiossidanti benefici per l’intestino.

2. Corrette abitudini alimentari

I 5 pasti (3 principali e 2 spuntini) si devono svolgere a orari regolati, evitando di saltare i pasti, di rimanere molte ore senza mangiare o mangiare a tarda notte. Non si devono fare pasti abbondanti, ma dedicare tempo al pasto, mangiando seduti, masticando accuratamente, evitando di consumare il cibo in uno stato di tensione o in modo vorace e frettoloso.

3. Fonti di cereali (carboidrati)

Preferire riso o pasta e prodotti da forno di farro o a lievitazione naturale. In caso di meteorismo può essere utile consumare avena. Il pane è da preferire ben cotto o tostato, lievitato con lievito madre o pane azzimo. Scegliere prodotti senza glutine in caso di infiammazione e di dieta che ne prevede l’eliminazione. Evitare crusca o farina integrale e valutare la tollerabilità di castagne e polenta.

4. Verdura

L’eliminazione totale di vegetali modificherebbe l’equilibrio del microbiota intestinale.
La più tollerata: carote, cetrioli, melanzane, fagiolini, spinaci, zucca, zucchine e le erbe di campo, valeriana, radicchio, rucola.
Da limitare: foglie di carciofi, gambi degli asparagi, il gruppo dei cavoli, lattuga. Escludere cipolla, aglio e spezie, usare liberamente le erbe aromatiche, che hanno azione carminativa.

dieta pancia gonfia gonfiore addominale

E4G5XK Healthy eating

5. Frutta

Limitare il consumo di frutta a 2 porzioni al giorno (80 g). Far passare almeno 2-3 ore tra una porzione di frutta e l’altra. In caso di stitichezza in IBS è indicato assumere 2 kiwi la mattina a digiuno.
La frutta più tollerata: frutti di bosco, kiwi, banana, ananas, papaya, mirtilli, uva, melone, limone.
Evitare datteri e frutta secca, fichi, limitare mele, pere, prugne e anguria. dieta e pancia gonfia

6. Alimenti proteici

È bene consumare l’uovo non troppo cotto, limitare a 10-15 g la porzione di frutta secca es. mandorle, arachidi, noci, noci di macadamia pinoli e semi di zucca. I legumi sono da assumere sotto forma di passato (senza bucce) e preferibilmente decorticati.

7. Latte e derivati

In caso di intolleranza al lattosio di consiglia di consumare alimenti che ne siano privi. Limitare il consumo di latticini, non deve superare le 2-3 porzioni al giorno di latte e prodotti caseari (1 porzione = 200-250 ml di latte o 200-250 g di yogurt o 80-100 g di formaggio fresco o 30-50 g di formaggio a pasta dura). dieta e pancia gonfia

8. Alimenti da limitare

Questo livello include potenziali fattori scatenanti della dieta IBS, cioè grassi, dolci, cibi piccanti, caffeina e alcol. L’assunzione totale di grassi dovrebbe essere limitata a non più di 50 g /dì, scegliendo i grassi salubri, come l’olio d’oliva. I dolci sani dovrebbero essere scelti e consumati con parsimonia (ad es. Cioccolato fondente a 30 g per porzione). Alcol, caffeina, cibi piccanti dovrebbero essere limitati se sono correlati ai sintomi. Limitare caffè, soprattutto dopo i pasti; non utilizzare alcool, compresa la birra, bevande gassate e a base di cola.

9. Alimenti fritti e trasformati

Dovrebbero essere rimossi dalla dieta IBS, ma, occasionalmente, i fritti possono essere preparati seguendo le regole per una frittura sana.

La dieta low-FODMAP (ci cui vi parlerò in un prossimo articolo) è una dieta di eliminazione indicata qualora le indicazioni di questo approccio dietetico di prima linea non siano sufficienti ad alleviare l’IBS.
Assunzione di fibre: si dovrebbe aumentare gradualmente (fino a 20-30 g/die), evitando crusca oltre il proprio abituale consumo. In caso di stipsi sono indicati i semi di lino: (fino a 2 cucchiai al giorno, consumati con fluido (150 ml x cucchiaio), per 3/6 mesi.
Assunzione di probiotici: se consigliati devono essere assunti minimo 4 settimane alla dose raccomandata.

Si deve inoltre considerare che lo stress è fortemente impattante su questa patologia, pertanto occorre praticarne un’attenta gestione attraverso tecniche quali il training autogeno, la meditazione, yoga. DIETA E PANCIA GONFIA

Fonti

Cozma-Petruţ A, Loghin F, Miere D, Dumitraşcu DL. Diet in irritable bowel syndrome: What to recommend, not what to forbid to patients!. World J Gastroenterol. 2017;23(21):3771-3783.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.