CAFFE’: SE NON ESAGERI QUANTI BENEFICI! -  Annamaria Acquaviva

CAFFE’: SE NON ESAGERI QUANTI BENEFICI!

CAFFE’: SE NON ESAGERI QUANTI BENEFICI!

Gli effetti del caffè sono descritti nell’ultimo booklet ‘Caffe’ e Salute’ scritto in collaborazione con l’Irccs – Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano.

Le proprietà benefiche di questa bevanda sono numerosissime. Dipendono dal contenuto in caffeina e in centinaia di antiossidanti e composti chimici a cui sarebbe attribuita un’attività di prevenzione di diverse malattie croniche, tra cui patologie oncologiche e cardiovascolari.

Alessandra Tavani, Capo del Laboratorio di Epidemiologia delle Malattie Croniche presso l’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Irccs di Milano afferma: “La caffeina della tazzina di caffè è ritenuta responsabile della diminuzione del senso di fatica, dell’aumento della vigilanza e dell’aumento della motilità intestinale”.   ”Inoltre –continua la dott.ssaTavani – la caffeina a dosi appropriate potenzia gli effetti antidolorifici dell’aspirina, aumentandone la biodisponibilità. Altri componenti del caffè (fra cui i polifenoli) potrebbero avere effetti favorevoli prevenendo l’insorgenza delle malattie cardiovascolari, del tumore del cavo orale/faringe, del tumore del fegato, della cirrosi epatica, del tumore dell’endometrio e forse del tumore del colon-retto. Dati molto recenti mostrano che il caffè sembra essere associato a una diminuzione di mortalità totale, anche se i risultati vanno confermati. In sostanza, consumando 3 tazzine di caffè, l’individuo sano può godere del piacere di bere un buon caffè senza temere per la propria salute”.

Pertanto il caffè, spesso ingiustamente demonizzato, è da ritenersi una fonte naturale di benefici per la salute, da associarsi a una dieta sana, che comprenda buone quantità di frutta e verdura e un corretto stile di vita.

Attenzione però a non abusarne: i soggetti sani possono concedersi questo piacere, ma è bene non superare la dose indicata giornaliera e meglio non dopo le 15 del pomeriggio. I rischi di un consumo eccessivo si tradurrebbero nel peggioramento di alcune sintomtologie tra cui: ipertensione, insonnia, aritmie, ansia e reflusso gastroesofageo e nell’inibizione dell’assorbimento di calcio e ferro.

 

Comments (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.